fbpx

GRADUATORIE PROVINCIALI PER LE SUPPLENZE – G.P.S.
I NOSTRI RICORSI

In data 10.7.2020 il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato l’Ordinanza n. 60 a mezzo della quale sono state disciplinate le nuove Graduatorie Provinciali per le Supplenze (G.P.S.), che già con l’avvio del nuovo anno scolastico dovranno essere utilizzate per l’attribuzione delle supplenze annuali (31 agosto) e sino al termine delle attività didattiche (30 giugno).

Pertanto le graduatorie d’istituto, alla luce di tale nuovo criterio di reclutamento del personale docente, saranno utilizzate esclusivamente per il conferimento delle supplenze brevi e saltuarie (maternità, malattia, etc.).

Le GPS sono tutte strutturate in 2 FASCE e ogni aspirante supplente potrà presentare domanda per una sola provincia e per più classi di concorso:

(Scuola dell’Infanzia e Scuola Primaria)

Per le GPS scuola infanzia e primaria, la Prima Fascia includerà i soggetti in possesso dell’abilitazione (diploma magistrale, Laurea in SFP, etc.) mentre in Seconda Fascia si inseriranno gli studenti del terzo, quarto e quinto anno del corso di laurea in SFP che abbiano assolto rispettivamente 150, 200 e 250 CFU entro il termine di presentazione dell’istanza.

(Scuola secondaria di I e II grado)

Per quanto concerne, invece, le GPS della scuola secondaria:

in Prima Fascia: confluiranno gli aspiranti in possesso di abilitazione.

In Seconda Fascia: per le classi di concorso Tabella A e Tabella B, confluiranno:

a)-gli aspiranti in possesso del titolo di accesso prescritto per la classe di concorso e che abbiano conseguito anche i prescritti 24 CFU;

b)-gli aspiranti in possesso del titolo di accesso con abilitazione su altra classe di concorso;

c)-gli aspiranti già inseriti per la medesima classe di concorso nelle precedenti graduatorie d’istituto con validità 2017-2020.

Conseguentemente le Graduatorie di istituto saranno così riformulate:

I Fascia: vi accederanno i docenti già inseriti nelle graduatorie ad esaurimento G.A.E.;

II Fascia: vi accederanno i docenti (abilitati) che risulteranno inclusi nella I Fascia delle G.P.S.;

III Fascia: vi accederanno coloro che risulteranno inclusi nella II Fascia delle G.P.S. (docenti non abilitati).

Alla luce di quanto innanzi, il nostro Studio Legale ha individuato nell’Ordinanza n. 60/2020 diversi profili di illegittimità, per cui riteniamo che questi possano senz’altro costituire oggetto di impugnativa dinanzi alla Giustizia Amministrativa.

  • RILIEVI CRITICI RELATIVI AI DOCENTI I.T.P.
  1. Analizzando in dettaglio l’ordinanza ministeriale n. 60/2020, viene anzitutto in rilievo la questione dei docenti I.T.P. risultati vittoriosi nel ricorso dinanzi al T.A.R. Lazio patrocinato da questo Studio Legale (R.G. 8019/2017), definito con la nota Sentenza n. 11798/2017.

Ebbene, tali ricorrenti, in virtù della predetta sentenza, devono essere considerati muniti di titolo avente valore abilitate e, pertanto, hanno diritto ad accedere alla Prima Fascia delle G.P.S. e conseguentemente alla II Fascia delle Graduatorie di Istituto di nuova costituzione.

  1. Vi è poi la particolare posizione dei docenti I.T.P. muniti di titolo di accesso su classe ad esaurimento A66, privi di abilitazione e del requisito richiesto per l’accesso alla diversa classe di concorso A-41 (laurea informatica), nonché dell’ulteriore requisito dei 24 C.F.U., che risulterebbero completamente estromessi dalla possibilità di conseguire supplenze.

In questo caso le disposizioni dell’O.M. e le nuove tabelle di valutazione Titoli contrastano con vigenti e superiori disposizioni di legge, tenuto conto che ai fini concorsuali gli I.T.P., fino al 2025, accedono con il possesso del solo diploma.

  • RILIEVI CRITICI RELATIVI AI DOCENTI IN POSSESSO DI LAUREA o DIPLOMA I.T.P. + 24 C.F.U.

Si va consolidando in giurisprudenza l’orientamento secondo cui il possesso congiunto della Laurea Magistrale o del Diploma di accesso alla classe di concorso e 24 C.F.U/C.F.A. costituiscono titolo abilitante (per tutte, cfr. Tribunale di Roma, del 22 marzo 2019 n. 2823), con conseguente irrilevanza del concetto di abilitazione in ossequio alla normativa comunitaria.

Peraltro, in relazione ai 24 CFU richiesti per i profili di I.T.P., vi è una evidente incongruenza rispetto a quanto previsto per le procedure concorsuali ordinarie e straordinarie ai fini del reclutamento in ruolo.

Ebbene, gli aspiranti in possesso di Laurea o Diploma e 24 C.F.U. risultano pertanto fortemente penalizzati ai fini dell’accesso nelle Graduatorie per le Supplenze, perché ritenuti privi di abilitazione e dunque relegati in subordine nella II Fascia di tali graduatorie.

  • DOCENTI CON SERVIZIO DI INSEGNAMENTO PARI O SUPERIORE A TRE ANNI

Alla luce della recente sentenza n. 4167 del 30.6.2020, il Consiglio di Stato, mutando il precedente orientamento, ha riconosciuto che i docenti che abbiano maturato un servizio pari ad almeno 36 mesi (180 giorni X 3 anni scolastici), debbano essere considerarsi abilitati all’insegnamento.

Sicché anche i docenti in possesso di valido titolo di accesso alle classi di concorso e che possano vantare almeno tre annualità di servizio in scuole statali e/o paritarie, debbono essere valutati alla stregua dei docenti abilitati, con conseguente diritto al accedere alla I Fascia delle Graduatorie per le Supplenze (G.P.S.).

  • TIPOLOGIE DI RICORSO E OBIETTIVI CONSEGUIBILI

Alla luce di quanto sopra riferito, a decorrere dal 20.7.2020 e fino al 03.08.2020, il nostro Studio avvierà una campagna di adesioni ai seguenti specifici ricorsi collettivi:

1)-Ricorso per l’inserimento in I FASCIA delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze (G.P.S.) dei docenti I.T.P. già risultati vittoriosi nel ricorso dinanzi al T.A.R. Lazio patrocinato da questo Studio Legale (R.G. 8019/2017), definito con la nota Sentenza n. 11798/2017; 

2)-Ricorso per l’inserimento in I Fascia delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS) dei Laureati e dei Diplomati I.T.P. in possesso di titolo di accesso alle classi di concorso e dell’ulteriore requisito dato dai 24 C.F.U.; 

3)-Ricorso per l’accesso in I FASCIA delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze (G.P.S.) dei docenti in possesso di titolo di accesso alle classi di insegnamento e che possano vantare almeno tre annualità di servizio specifico presso scuole statali e/o paritarie. 

4)-Ricorso per l’inserimento in II Fascia delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze (G.P.S.), classe di concorso A-41, dei docenti I.T.P. in possesso di diploma valido per l’accesso alla classe ad esaurimento A-66;

N.B. l’eventuale accoglimento dei ricorsi implicherebbe anche l’inserimento dei ricorrenti nella II Fascia delle Graduatorie di istituto di nuova formulazione.

  • DOCUMENTI INDISPENSABILI PER ADERIRE AI RICORSI

1)         copia documento di identità;

2)         copia codice fiscale e/o tessera sanitaria;

3)         Modulo di adesione ai ricorsi                                                                 (ALLEGATO 1)

4)          Procura all’avv. De Crescenzo firmata in originale                            (ALLEGATO 2)

4)          Informativa Privacy                                                                                (ALLEGATO 3)

N.B.   Per la compiuta adesione a ciascuno dei ricorsi avviati gli interessati dovranno procedere ad inoltrare domanda di ammissione alle Graduatorie Provinciali per le Supplenze.

L’ordinanza ministeriale n. 60/2020 ha stabilito che la domanda di inserimento nelle G.P.S. dovrà essere presentata esclusivamente con modalità “telematica”.

Tuttavia il sistema telematico “potrebbe” non consente agli aspiranti privi dei requisiti richiesti di presentare la domanda per la Fascia che si andrà invece a richiedere con il ricorso, per cui a tutti coloro che avranno formalizzato l’adesione ad uno dei ricorsi sopra descritti, sarà fornito un Modello di domanda “integrativo” che dovrà essere inoltrato nei medesimi termini che saranno fissati dal Ministero dell’Istruzione e con le modalità e secondo le istruzioni che saranno diramate.

L’adesione ai ricorsi sarà possibile a decorrere dal giorno 20.7.2020 e fino al 03.08.2020.

SCARICA LA MODULISTICA

Puoi scegliere di scaricare direttamente la modulistica, puoi CHIAMARCI ORA

SCARICA LA MODULISTICA

STUDIO LEGALE AVV. ANTONIO ROSARIO DE CRESCENZO
Via delle Ville, 4 |  P.co Mandarino
81100 CASERTA Tel. e Fax. 0823 27.93.00 info@studiolegaledecrescenzo.com P.E.C.: avv.antoniodecrescenzo@pec.it
www.studiolegaledecrescenzo.com

DOVE SIAMO